Home / Attualità / ”Muoviti in libertà” – un’app contro le catene della disabilità 

”Muoviti in libertà” – un’app contro le catene della disabilità 

E’ Tiziana De Maria, la progettista di Muoviti in Libertà, un’app  e piattaforma web che consente a persone con disabilità di trovare un assistente quando e dove serve. 

Un vero e proprio sogno che si realizza per Tiziana, che in prima persona vive in una condizione di disabilità. 

Si tratta di un’iniziativa che dà una risposta concreta al bisogno delle persone con disabilità di vivere il proprio quotidiano con la stessa libertà di scelta delle altre persone. 

Nasce come idea nel 2015, a termine di un percorso di ricerca iniziato nel 2010 con lo studio di processi di innovazione sociale, networking e modelli di governance dell’impresa sociale, svolto nell’ambito di un Dottorato in Management presso l’Università Cà Foscari di Venezia 

Nel Luglio dello scorso anno, col sostegno dell’associazione Nuovi Orizzonti, “Muoviti in Libertà” è stato selezionato tra oltre 500 applications nell’ambito del Premio Gaetano Marzotto, tra i progetti tecnologici da sostenere con un processo di incubazione. 

Il meccanismo è semplice e veloce: 

  1. la persona con disabilità inserisce in piattaforma la propria richiesta di assistenza, specificando il tipo di servizio richiesto; 
  1. gli assistenti personali si candidano per la “presa in carico” del servizio; 
  1. la persona con disabilità sceglie l’assistente personale che fa al caso suo. 

 

Da lunedì 5 Marzo, si è aperta una campagna di raccolta fondi online a sostegno del progetto MUOVITI IN LIBERTA‘ sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni Dal Basso: l’obiettivo è raggiungere in 60 giorni la somma di 20.000 €. 

I fondi raccolti verranno utilizzati per realizzare la piattaforma web e l’app e per la sperimentazione di un “progetto pilota” in alcune città italiane, tra cui Messina. 

Per scoprire come partecipare alla donazione, visitate la pagina Facebook, Instagram e Twitter di MUOVITI IN LIBERTA’. 

 

Jessica Cardullo

di Jessica Cardullo

Leggi Anche...

Non dite che sia solamente un gioco

Gioia e lacrime, lacrime e gioia. Abbiamo visto – e lo abbiamo visto quasi tutti …

Condivisioni