Home / Cultura Locale / Messina in pillole: lo sapevi che... / … la città di Messina pullula di fantasmi?

… la città di Messina pullula di fantasmi?

Ebbene sì. Ogni città con una lunga storia ha i suoi misteri e le sue leggende. Messina, con i suoi mille anni di storia, ha subito molte
perdite, a seguito di due grandi terremoti (1783 e 1908) e di due ondate
di bombardamenti. L’incommensurabile mole di morti violente è
probabilmente alla base della folta tradizione spettrale della città
dello Stretto
.

Immaginiamo un giovane ragazzo con una terribile insonnia e
ipotizziamo che in una tiepida notte autunnale decida di fare una
passeggiata per distrarsi.

Si potrebbe dirigere verso la terrazza del Sacrario di Cristo Re per
ammirare uno dei panorami più belli al mondo. Ogni tanto
appare una donna bellissima con i capelli biondi ed un sorriso
splendente che prende i giovanotti sotto braccio.
Chi prova a
rivolgerle la parola vede sparire la fanciulla in preda al terrore.

Nei pressi della chiesa di Montalto, sulle scale che portano alla
fontana Falconieri, il ragazzo potrebbe incontrare una triste e
dolce ragazza in lacrime. Sarebbe inutile andare a confortarla,
sicuramente sparirebbe.

Potrebbe decidere di fare una passeggiata nella piazza del
Municipio. Nei pressi del monumento ai caduti potrebbe vedere
un uomo in uniforme steso a terra.
In molti raccontano di averlo
sentito lamentarsi di essere stato ferito. Non appena ci si avvicina
per soccorrerlo, il soldato si dissolve  rapidamente.

Se il nostro insonne si trovasse sulla Passeggiata a mare,
potrebbe incontrare un uomo che indossa una divisa di altri
tempi che indica ai passanti un corpo senza vita tra i flutti
sussurrando: ”Guarda come volli rovinarmi…”

Chi ha assistito alla scena ha detto che il corpo è vestito come il fantasma e che nell’aria si percepisce un odore nauseabondo.

Il nostro giovane potrebbe terrorizzarsi passando di fronte alla chiesa Porto Salvo, a ridosso del muro di cinta della Fiera, alla vista di un uomo decapitato che tiene la testa in mano e che si diverte a spaventare chi passa da quelle parti.

Se invece il ragazzo si trovasse a ridosso del crocevia S.S
Annunziata – Viale della Libertà potrebbe imbattersi in un
fantasma che si pugnala ripetutamente con un coltello, cade e si rialza
. La scena si ripete circa una ventina di volte.

In via Felice Bisazza invece si potrebbe avvistare una coppia di fidanzatini che si tengono per mano. Appena vedono qualcuno che gli si avvicina si spaventano, lui si pone innanzi a lei come per difenderla e dopo poco scompaiono entrambi.

Non importa la veridicità di questi racconti, ciò che conta è che essi siano segno di una città con una ricca tradizione di leggende derivate da una storia affascinante e spesso ricca di sorprese….

Renata Cuzzola
Un ringraziamento speciale va a Giandomenico Ruta,
appassionato di misteri e di cultura locale.

di Redazione UniVersoMe

Leggi Anche...

…due donne, Dina e Clarenza, salvarono Messina durante l’assedio angioino?

Avete mai fatto caso alle due statue in bronzo dorato che battono le ore e …

Condivisioni