Home / Eventi / FullCard la innovativa carta che ci fa risparmiare!

FullCard la innovativa carta che ci fa risparmiare!

Avete mai sentito parlare della FullCard? Cosa sarà mai questa innovativa carta?
È nata una decina di anni fa dall’idea di Gabriella Amico e suo marito che ispirati da simili carte presenti in altre città italiane, quindi decidono di importarla nel messinese.

Ma nello specifico cos’è?
È una carta di un circuito sconti che si basa sulle convenzioni che vengono stipulate con i proprietari delle più diverse attività.
Principalmente funzionante nei settori della ristorazione, ma anche studi medici, spa e dell’intrattenimento, offre ai titolari della carta ottime condizioni di vantaggio economico nella fruizione del servizio gli sconti sono molto alti, vanno dal 30% al 50%.

È utilizzabile da tutti, nominativa e non cedibile. Dà diritto allo sconto fino a 4 persone, contando l’intestatario , questo significa che lo sconto viene applicato su tutto il conto quindi ognuno godrà dello sconto, nel limite di 4 persone.
Caratteristica molto importante è che non è un coupon non vi è un obbligo di spesa minima o legata a predeterminati elementi.

Per ottenere la FullCard il procedimento è molto semplice, bisogna andare sul sito http://www.fullcard.it/index.html e compilare il modulo per la richiesta.
Il prezzo è di 19,90 euro e ha durata annuale. Se si paga con Paypal o carta di credito il prezzo è di 17,90 euro.
Per gli studenti universitari il costo è di 12 euro.
Per le attività commerciali per ora l’adesione è gratuita.

Sul sito è presente anche il regolamento per l’utilizzo della card e la lista di tutti i negozi, locali e attività che sono convenzionate.
Sono convenzionati una 70ina di ristoranti, 50 strutture ricreative ed anche 2 tour operator.

È un servizio innovativo ed utile sia per i consumatori che per gli esercenti, con un investimento minimo i vantaggi sono molteplici.

 

Arianna De Arcangelis

di Arianna De Arcangelis

Leggi Anche...

Tra concerti in spiaggia e secret artist: il live report di Indiegeno

Da diversi anni la distribuzione dei festival di musica attorno ai piccoli centri sta assumendo …

Condivisioni