Home / Editoriale / Lo studente di informatica, agitare bene prima dell’uso

Lo studente di informatica, agitare bene prima dell’uso

Chi siamo? Da dove veniamo? C’è vita dopo la morte? Possono sopravvivere i neuroni ad una puntata di Temptation Island? Ma soprattutto, esiste qualcuno più stressato di un informatico? Se alle prime 4 domande la scienza non è ancora stata in grado di rispondere, la risposta all’ultima ve la do io: più stressato di un informatico c’è solo lo studente di informatica!

E se pensate che districarsi tra funzioni differenziali, derivate parziali e integrali doppi e tripli sia quanto di più terribile possa affrontare il malcapitato, vi sbagliate di grosso! Le domande di un orale di ingegneria sono bazzecole in confronto a quelle che un ‘non addetto ai lavori‘ pone costantemente al nostro povero studente.

meme-informatica

UniVersoMe, solo per voi, presenta:

LE 5 DOMANDE DA NON FARE AD UNO STUDENTE DI INFORMATICA

1.Ma tu che sei informatico…mi aggiusti il computer?

Partiamo con un evergreen. È questo il momento in cui puoi dichiararti ufficialmente studente di informatica. Non l’immatricolazione, non la prima lezione e neanche il primo esame dato. Chiariamo una cosa: non sono Bill Gates, non so perché il tuo portatile si sia bloccato al 16% degli aggiornamenti automatici, non so perché sia fermo su quella ‘schermata blu con scritto errore’ né tanto meno perché non si accenda più. Sì, ci so fare con i computer, ma questo non vuol dire che conosca la soluzione ad ogni problema (se controlli la mia carta d’identità il mio nome non è Google… e neanche Salvatore Aranzulla). E comunque, dammi ‘sto portatile che te lo formatto e torna tutto come nuovo.  

2. Ma tu che sei informatico…non è che sai come installare Office?

Sì, certo, le mie 21 materie nel piano di studi servono proprio a questo, a installare Microsoft Office sul tuo pc. È sempre stato il mio sogno; fin da bambino immaginavo il momento in cui, con la mia meravigliosa e sudatissima laurea in Ingegneria Informatica, avrei potuto scaricare e poi installare Office 2010 su tutti i computer del mondo. Non vedo l’ora di iniziare il corso di laurea magistrale per imparare ad installare anche Adobe Photoshop.                                                                                                                                                                     

3. Ma tu che sei informatico…riesci ad entrare nei computer degli altri?Io vedo Mr.Robot e lui lo fa sempre!

Beh, sfatiamo un mito: di tutte le cose che vedete nei film sull’informatica solo uno scarso 15% è verità. Per esempio non è che gli hacker sono cool come in TV e lavorano davanti a schermate nere con scritte verdi e toccando un quantitativo immenso di tasti a caso riescono ad entrare sul sito della Nasa e lanciare razzi in giro per lo spazio. No. Assolutamente no. Non funziona così.                                                                                                 

4. Ma tu che sei informatico…mi si è rotto lo schermo del cellulare e mi hanno chiesto 250 euro, lo sai smontare e riparare, no?

No, ti ricordi della magistrale in ‘Installazione Photoshop‘? Se prima non termino la specialistica non mi posso iscrivere nel master in ‘Riparazione schermi Iphone‘. Però te lo giuro, questione di mesi e mi immatricolo.                                                                                                                                                                                               

5. Ma tu che sei informatico…mi è venuta un’idea. Puoi hackerare Esse3 e convalidarmi tutte le materie?

Ma secondo te, se io fossi capace di fare tutto ciò sarei ancora qui a farmi Centro-Papardo tutte le mattine? A correre per prendere mezzi pieni di gente che nel 2018 non ha ancora scoperto l’esistenza del sapone? Ma soprattutto, se fossi in grado di entrare sul sito dell’Università e convalidarmi tutte le materie, secondo te, passerei ancora ogni giorno della mia vita a rispondere a tutti i cretini come te che mi fanno questo genere di domande?! 

meme-informatica

Scusate lo sfogo, ora posso tornare sui libri o a “smanettare al pc” da bravo nerd, come quasi sicuramente penserà la maggior parte di voi. E no, non me la prendo con nessuno di voi, in fondo è solo colpa mia. Avrei dovuto sapere sin dall’inizio a cosa sarei andato incontro. Comunque, se può consolarvi, sarete anche uno stress, ma lo stress più divertente che conosca! Se rifarei questa scelta? Certo! Analisi, matematica, fisica, nipoti parenti tombola a natale e mal di testa ricorrenti e tutto questo per un “ma tu che sei informatico“…

 

 

 

di Ivan Brancati

Leggi Anche...

Le parole sono importanti. Davvero

Le parole sono importanti. Lo diceva Nanni Moretti in “Palombella rossa” e sì: le parole …

Condivisioni