Home / Tempo Libero / San Valentino: sì, no, forse…

San Valentino: sì, no, forse…

“L’amore conta, l’amore conta, conosci un altro modo per fregar la morte?”

No Liga, io un altro modo per fregare la morte non l’ho trovato, però devo dire che l’amore basta come fregatura.

Ed è proprio d’amore che voglio parlare, adesso che San Valentino è alle porte. Anzi, non proprio d’amore ma…

Ecco a voi una modestissima top 5 di coppie che incontrerete il giorno di San Valentino:

  • I Chiara & Fedez dei poveri, quelli che posteranno foto e stories del loro ammmore su ogni piattaforma esistente, passando dalla foto dell’anello al video mentre si imboccano a vicenda, perché tutti devono essere testimoni del loro amore. Ma cari social dipendenti, affrontiamo insieme la realtà per renderci conto che non può fregarci niente di cosa vi siete regalati, dove siete andati e dei fiori. Con affetto, l’intero mondo di cinici social dipendenti.
  • I pizza&netflix , quel genere di coppia che stanno insieme da così tanto tempo che hanno già fatto tutto e allora, vecchi dentro, decideranno di passare il San Valentino guardando una nuova serie tv su Netflix, oppure un film d’amore (rigorosamente scelto da LEI) magari mangiando una pizza. A forma di cuore per l’occasione, dai…
  • I cinefili in calore, quelli che andranno al cinema per guardarsi il nuovo film di 50 sfumature e passeranno metà del film “amore stasera lo facciamo pure noi”, quando magari la cosa più trasgressiva che fanno a letto è dormire senza mettere il pigiama nei calzini, e l’altra metà del film limonando che Valentino caro, mi sa che la tua Valentina è più presa da Mr Grey che dal tuo Mr x.
  • L’amore intimo, il migliore in assoluto, voi coppia intima siete i miei preferiti perché vi amate immensamente, condividete tutto… dai piccoli pensieri giornalieri all’influenza di stomaco, ma lo vivete nel segreto, giorno per giorno. Senza il bisogno di sbatterlo in faccia a quei poveri single dei vostri amici.

e, dulcis in fundo

  • Gli “io di più”, quelli che non fanno che ripetersi quanto si amano e “io di più” – “no, io di più”, esistono anche nella variante telefonica: “Chiudi prima tu” –  “no, chiudi prima tu”. E tu stai a guardarli dicendo “no ma tranquilli io di più” si, io vi vorrei morti di più.

Cos’altro aggiungere? San Valentino è una festa meravigliosa quando sei fidanzato, ma quando sei single?

Come rispondo alla domanda “San Valentino? Si, No, forse …”?
– “L’amore è una cosa semplice” .

Ma quannu mai Tiziano? Ma se era così semplice tu stavi qui a scrivere canzoni sui tuoi ex? Ma non penso proprio… e intanto la restante popolazione dei single vive il 14 febbraio saltellando tra coppie social e coppie “io di più”, difendendosi lanciando Baci Perugina come se fossero bombe a mano. Ed è proprio a voi che penso con tanto rammarico, ma sono qui per aiutarvi.

Cose da NON fare per sopravvivere al giorno di San Valentino:

  • NON uscite di casa, in qualsiasi posto possiate andare troverete fiumi di Baci Perugina, rose, cuoricini, anelli. Da evitare le piazze, la spiaggia, le discoteche, i social, i supermercati. Rinchiudetevi al buio facendo finta che questa giornata non esista e programmatevi una maratona della serie tv che preferite.
  • NON accendete la tv, probabilmente manderanno soltanto film d’amore. Vale l’opzione precedente, magari ordinate una pizza e fate attenzione che non vi arrivi a forma di cuore…… ma si, capita una volta l’anno, se la pizza è il vostro amore, che male c’è farvela fare a forma di cuore?
  • NON cercate i vostri amici, c’è il rischio di scoprire che persino loro sono fidanzati da 2 giorni, mentre tu sei rimasto l’unico single della città.
  • NON fate i luoghi comuni, con quei soliti discorsi del tipo “San Valentino è una festa commerciale” “è un complotto delle multinazionali” …”Ah ma è oggi!” … “che schifo” … “Non bisogna ricordarsi di amarsi solo il giorno di San Valentino ma bisogna farlo tutti i giorni”, siete soltanto dei Greench che i Baci Perugina li comprano più di tutti, e non per la frase, e nemmeno per regalarli.

Vi sto per dire la cosa più importante, magari fino ad ora per voi avrò detto un mare di cavolate ma adesso vi devo dire una cosa seria. NON DICHIARATEVI A SAN VALENTINO. E va bene che l’amore ha i prosciutti sugli occhi (a volte interi, altre volte direttamente i maiali vivi), va bene che nei film funziona, con lei che sta per salire sull’aereo, lui corre verso di lei e la bacia e vissero tutti felici e contenti. Ma sfatiamo questo mito, nella realtà lei sarebbe comunque riuscita a prendere l’aereo, e avrebbe avuto pure il tempo di friendzonarlo o di mollargli un ceffone pesantissimo.

Siamo sinceri, perché mai dovreste dichiararvi il giorno di San Valentino e deridervi da soli?

La soluzione sarebbe passare il San Valentino con il vostro cane o gatto, lui si che merita il vostro affetto incondizionato, così come la pizza e la birra.

 

Serena Votano (Greench di San Valentino)

di Redazione UniVersoMe

Leggi Anche...

Perché facciamo l’albero di natale? Ecco le sue origini e il vero significato

Dicembre è arrivato, e sebbene il periodo di preludio al Natale sembra diventare sempre più …

Condivisioni