Home / Attualità / Allarme lupi. Viminale: Sì all’abbattimento

Allarme lupi. Viminale: Sì all’abbattimento

Sì all’abbattimento, ma “solo a condizione che sia stata verificata l’assenza di altre soluzioni praticabili“, dei lupi, razza tutelata dalla legge 357 del 1997.

 

 

Questo è ciò che prevede una circolare del Viminale, inviata ai commissari di Governo delle Province di Trento e Bolzano ed al presidente della Regione Valle d’Aosta.

Secondo la suddetta, di recente, in alcune aree del territorio nazionale, vi è stato è un aumento della presenza di lupi, che avvicinandosi ai centri abitati causano, non solo panico tra gli abitanti, ma anche importanti danni economici agli allevatori, attaccando ovini, caprini e talvolta bovini nelle zone di pascolo e di ricovero.

Da qui, continua la circolare :

l’esigenza di adottare interventi di carattere preventivo ai fini della tutela della pubblica incolumità e della salvaguardia delle attività tradizionalmente legate alla montagna, all’agricoltura e alla zootecnia“.

La notizia ha subito fatto scalpore e scatenato l’ira del WWF e di tutti gli animalisti.

 

 

Gli esperti del Large Carnivore Initiative for Europe della IUCN, hanno dichiarato che non esiste alcun allarme lupo, la circolare sarebbe solamente un attacco gratuito ed ingiustificato a questa specie. I dati più recenti dimostrano infatti che il numero dei danni dovuti ai lupi e alla loro gestione, in Trentino Alto Adige, è estremamente ridotto.

Se la norma venisse realmente attuata si rischierebbero quindi, una serie di uccisioni insensate ed ingiuste, contro “la specie simbolo della natura e della biodiversità“.

Benedetta Sisinni

di Benedetta Sisinni

Leggi Anche...

For Ever Karl: l’omaggio dedicato a Karl Lagerfeld

Da quando se n’è andato, il 19 febbraio 2019, Karl Lagerfeld ha lasciato un vuoto …