Home / Attualità / Torino: tetraplegico recupera l’uso delle mani grazie a un nuovo intervento

Torino: tetraplegico recupera l’uso delle mani grazie a un nuovo intervento

La procedura, eseguita in pochi centri ospedalieri al mondo e per la prima volta in Italia, prevede di aggirare la lesione del midollo spinale ricollegando i nervi ancora sani con quelli non più in funzione, permettendo un più ampio recupero delle capacità motorie e sensitive.

Un ex pasticcere di 52 anni, rimasto tetraplegico a causa di un incidente d’auto, recupererà la funzione delle mani grazie a un innovativo intervento effettuato presso l’ospedale Cto della Città della Salute di Torino. Il paziente è stato sottoposto ad una nuova metodica, la quale bypassa la lesione del midollo spinale ricollegando, come fili elettrici, i nervi sani a nervi non più funzionanti. In questo modo, come spiegato anche dai sanitari stessi, è stato possibile reinnervare interi distretti muscolari precedentemente non recuperabili.

L’operazione, durata circa tre ore e mezza, è stata eseguita su entrambi gli arti superiori dai chirurghi Bruno Battiston, Diego Garbossa, Paolo Titolo e Andrea Lavorato.

Il paziente aveva subito una lesione midollare completa a livello cervicale in seguito a un incidente avvenuto circa sei mesi fa, che gli aveva procurato la perdita della capacità di aprire e chiudere le dita delle mani, e al tempo stesso, rendendogli impossibili semplici azioni quotidiane, come afferrare gli oggetti o provvedere alla propria cura personale.

La chirurgia utilizzata prevedeva e basava la propria attenzione sul trapianto di tendini, ma ciò consentiva solo un recupero parziale della funzione motoria. La nuova tecnica, invece, permette un recupero maggiore e più fisiologico della capacità motoria e sensitiva degli arti.

L’intervento è riuscito perfettamente e si è concluso senza alcuna complicanza.

Nei prossimi mesi il paziente sarà sottoposto a trattamenti fisioterapici, possibili solo in centri di riferimento, in cui il recupero della funzione motoria che solitamente necessita di molti mesi, sarà facilitato dalle moderne cure atte a preservare e favorire la motilità dei diretti interessati.

Gianluca Vitale

                                    

 

 

di Attualita

Leggi Anche...

Sbarco sulla luna, oggi il 50º anniversario

  Il 20 luglio 1969, esattamente 50 anni fa, passo dell’uomo non fu mai più …