Home / Scienza & Ricerca / Novità estate 2019: Arriva Marijuolo

Novità estate 2019: Arriva Marijuolo

 

Arriva Marijuolo, il primo ghiacciolo alla cannabis. Prodotto dalla Doringel, legale e in vendita nei supermercati.

Andrea Dorini della Doringel ha lanciato questa novità dell’estate 2019: il primo stecco al gusto di cannabis in collaborazione con Mia s.r.l., azienda produttrice e distributrice di canapa sativa legale.

Il simpatico nome Marijuolo deriva dalla fusione di ghiacciolo e marijuana. La Doringel dichiara:

“Rispetta scrupolosamente tutte le direttive nazionali ed europee in materia”. Sembra conservi le proprietà benefiche della marijuana.

Il ghiacciolo alla cannabis è fatto con olio essenziale, infusi e estratti di semi di canapa sativa, ma senza contenere il Thc (tetraidrocannabinolo) per cui non possiede effetto psicoattivo

e addirittura potrebbe conservare le proprietà benefiche del cannabidiolo, o CBD.

Come sottolinea l’azienda che lo produce:

L’estrazione degli oli essenziali, seguendo la tecnica della distillazione in corrente di vapore, consente di preservare le doti benefiche del cannabidiolo, o CBD, uno dei cannabinoidi più abbondanti nella canapa. Non solo privo di qualsivoglia effetto drogante, ma anche dotato di numerose proprietà benefiche, l’olio di CBD è efficace contro ansia, stress quotidiano e dolori fisici, aiuta il sonno e rilassa il corpo”.

Il ghiacciolo “Marjiuolo”  presentato come assolutamente conforme alla legge,  sarà provato, degustato e verificato dagli italiani e sarà interessante vedere  se la stretta attuata dal ministero dell’Interno sulla vendita di sostanze stupefacenti andrà in qualche modo a bloccare questi tipi di prodotti in futuro.

Ma cos’è la Cannabis?

La Cannabis è un genere di pianta della famiglia Cannabacee, con  varietà sativa ovvero canapa. Sotto forma di preparati si hanno le foglie di marijuana e le resine  costituiscono l’hashish. Come risaputo viene usata come sostanza stupefacente. Tra gli effetti prodotti: benessere, ilarità, alterazione della percezione del tempo, intensificazione delle sensazioni e delle emozioni.

Al di là  di implicazioni politiche e sociali sull’uso come stupefacente, essa è da tempo un’importante pianta medicinale per scopo palliativo nei malati oncologici terminali,come antidolorifico. E’ usata anche per la sclerosi multipla con effetti neuroprotettivi.

Oltre gli effetti benefici,il rischio della C. è la dipendenza. Con possibile effetti lievi o gravi e possibile sviluppo e vulnerabilità alla schizofrenia.

Novità future: granita alla cannabis.

Daniela Cannistrà

 

 

Leggi Anche...

Insonnia e depressione: la doppia faccia della tecnologia

Che la nostra quotidianità sia ormai pervasa da strumenti elettronici è un dato di fatto. …