Home / Eventi / Indiegeno Fest, buona anche la seconda

Indiegeno Fest, buona anche la seconda

©𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢 𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪, 𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

Già dopo il primo giorno l’Indiegeno Fest ci ricorda la caratura che lo contraddistingue; un evento che si staglia in quelle che sono le attrazioni principali dell’estate siciliana.

©𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢 𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪 – 𝘔𝘰𝘹, 𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

A scaldare i motori le esibizioni di Redh, Mox ed Avincola che a suon di jazz e non solo hanno dato un caldo benvenuto ai fan accorsi per ascoltare i loro beneamini. La serata trova una battuta di arresto, tutti aspettano la diva di Porta Venezia che, come tutte le dive, si è fatta aspettare. La folla sembrava spenta, ma a rianimarla ci ha pensato la contessa, arciduchessa, sacerdotessa Myss Keta.

©𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢 𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪 – 𝘔𝘺𝘴𝘴 𝘒𝘦𝘵𝘢, 𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

Entra in CAPSLOCK e la situa si sconvolge. Porta sul palco tutto il suo bagaglio artistico, regalandoci una performance a tutto tondo fatta di trasgressione, produzioni elettro-pop e mascherine di palliette per la bocca. Dice di dover vincere una scommessa con qualcuno nel backstage (Carl Brave?), nominando personaggi famosi a caso tra un brano e l’altro, bevendo un bicchiere ignoto dopo ogni brano e sopratutto cantando subito dopo aver mangiato SETTE ARANCINI (e li ha chiamati al maschile quindi proprio top). Dopo quattro brani la raggiunge sul palco Miuccia Panda, una delle ragazze di Porta Venezia, ed eseguono le varie coreografie. Insieme portano sul palco tutto l’universo della cultura queer milanese, uno spettacolo che manda in visibilio le quasi 3000 persone sotto il palco, specialmente quando la sacerdotessa li inonda di amore vero apostrofandoli ripetutamente “sicilianini”.

@𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢 𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪, 𝘔𝘺𝘴𝘴 𝘒𝘦𝘵𝘢, 𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

Per l’ultimo brano il deejay lascia la postazione, abbraccia Panda mentre Myss Keta saltellando saluta tutte le sue paxxe fan e lascia spazio al romano più simpatico della coppia scoppiata del capolavoro Polaroid. Entra Carl Brave. Tutti stavano aspettando il gladiatore e lui simpatico ed educato ha chiesto a tutti posso, ha risposto merci, ha fatto salire una professoré sul palco ed ha mandando tutti pellaria.

©𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪 – 𝘊𝘢𝘳𝘭 𝘉𝘳𝘢𝘷𝘦, 𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

 

Immancabili l’autotune, la camicia larga a fantasie ricercate ed un corteo di musicisti che accompagnavano Carlo Coraggio, che ha trovato spazio anche per qualche inedito ed un mash-up dei brani di successo composti con “quell’altro” del giorno prima. Anche l’allestimento e l’organizzazione sono state all’altezza della platea così folta, viene solo da chiedersi quanti andando via, avrà pensato che avere Myss Keta in chiusura avrebbe reso la serata veramente PAZZE$KA.

©𝘊𝘳𝘪𝘴𝘵𝘪𝘯𝘢𝘎𝘦𝘳𝘢𝘤𝘪 –  𝙄𝙣𝙙𝙞𝙚𝙜𝙚𝙣𝙤 𝙁𝙚𝙨𝙩

Alessio Gugliotta

di Alessio Gugliotta

Nato a Messina, classe 1993, frequento il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Ho militato in diverse testate giornalistiche tra cui: "Tempostretto" ed “Il Cittadino di Messina”. Sono un appassionato del corpo umano e amante della Pallacanestro e della musica Hip-Hop. Sono Referente Generale e membro del Consiglio fondatore di UniVersoMe. Il mio obiettivo in questo progetto è la creazione di un’interfaccia fra lo studente e la sua università, che quindi fornisca gli strumenti per orientarsi in quella che è la realtà universitaria nella Città di Messina.

Leggi Anche...

Indiegeno Fest 2-8 agosto 2019: prezzi ed artisti della 6° edizione

Anche quest’anno l’estate si può definire una bella estate per la nostra provincia… in mezzo …