Home / Attualità / “Non mi bevo il cervello”: nuovo codice per la Movida Messinese

“Non mi bevo il cervello”: nuovo codice per la Movida Messinese

Tempo di lettura: 2 minuti
Risultati immagini per messina nuovo codice per la movida
Gazzettadelsud.it

 

A distanza di una settimana ritorniamo a parlare della Movida Messinese.

Nuova stretta per la vita notturna nella città capoluogo.

Adesso è tutto nero su bianco.

Un nuovo codice di autoregolamentazione, col nome-slogan “Non mi bevo il cervello”, che si tradurrà in una seconda ordinanza sul tema in questione.

Dopo il Codice e l’ordinanza di un anno fa, quando furono posti una serie di paletti soprattutto per la diffusione della musica, gli orari e il calendario settimanale dei locali in centro, arriva la “stretta” anche per le discoteche.

Conseguenza, evidentemente, dei frequenti blitz di cui abbiamo ampliamente parlato nelle ultime settimane.

Il “Codice” – riporta la Gazzetta del Sud – è stato sottoscritto ieri dal Comune e dalle associazioni di categoria (Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato) e prevede una serie di regole sulle quali dovranno essere gli stessi esercenti a fornire garanzie. Il principio è identico a quello che ha ispirato il Codice di autoregolamentazione del dicembre di un anno fa, anche se i residenti (ieri alla prima parte della riunione a Palazzo Zanca hanno partecipato il comitato “Centro storico vivibile” e l’associazione “Centro storico”) lamentano che troppe sono le violazioni.

L’Amministrazione, da par suo, ha ribadito che chi viola le regole viene sanzionato (la multa è di 450 euro) e rischia, reiterando nelle stesse violazioni, il ritiro della licenza.

Ecco il dettaglio del nuovo Codice per le discoteche: «Ogni esercente – è la premessa – indicherà un referente ed un recapito telefonico che sarà inserito in una chat amministrata da un rappresentante dell’Amministrazione comunale, che con immediatezza comunicherà tramite la chat eventuali violazioni del Codice da chiunque segnalate».

Alla terza comunicazione di violazione, però, l’esercente sarà espulso dalla lista degli aderenti al protocollo “Non mi bevo il cervello” e sarà obbligato a rimuovere la vetrofania con i simboli del Comune e delle organizzazioni di categoria che sarà fornita a tutti coloro i quali sottoscriveranno il Codice.

 

Santoro Mangeruca

di Attualita

Attualita

Leggi Anche...

È morto Ubaldo Smeriglio, giornalista e scrittore: oggi i funerali

Tempo di lettura: 2 minuti   Lo scrittore e giornalista 52enne Ubaldo Smeriglio, a seguito di una malattia che non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *