Parolimparty&friends: divertimento e musica animano il sabato messinese

Tempo di lettura: 4 minuti

Come avevamo già preannunciato qualche giorno fa in questo articolo, si è svolto sabato 7 dicembre, presso il Palacultura di Messina, lo spettacolo “Parolimparty&friends” organizzato da Mediterranea Eventi, in collaborazione con AISM Messina e con l’associazione BIOS. Ricordiamo che lo scopo era tra i più nobili: raccogliere fondi per la realizzazione del Parolimparty, convention multisport da spiaggia per disabili, che giungerà nel 2020 alla sua terza edizione, presso il lido Open Sea (Milazzo).

Fonte: Facebook – Parolimparty

A presenziare all’evento, oltre a una folla di spettatori e ai simpaticissimi ospiti, quattro persone simbolo della manifestazione: Alfredo Finanze, presidente di Mediterranea Eventi e consigliere provinciale AISM sez Messina; l’assessore al turismo di Milazzo Pierpaolo Ruello; il presidente del Cus Antonino Micali e il presidente AISM Messina Angelo La Via.

©Giulia Greco – Parolimparty&Friends – Palacultura, Messina 2019

Ciò a testimonianza del fatto che i progetti di inclusione possono e devono essere supportati dalla cooperazione di più enti attivi sul territorio. Ad esempio, il presidente del Cus Micali ci ricorda come gli sportivi con disabilità siano oggi oltre 50 presso la Cittadella Sportiva Universitaria, sottolineando come una città come Messina non possa essere carente nel supportare lo sport a tutti i livelli. Insomma, una bella dimostrazione che unendo gli sforzi verso un’unica direzione si può riuscire a creare qualcosa di realmente bello e duraturo.

Si sono susseguiti sul palcoscenico la band messinese “I Fuori Orario“, il comico messinese Denny Napoli e l’attesissimo duo comico palermitano “I Soldi Spicci“, regalando al pubblico un sabato sera diverso e pieno di risate.

Ad aprire -e a chiudere- le danze sono stati I Fuori Orario, che hanno abilmente mixato cover di canzoni “regionali”, come la famosissima “O Sarracino”, a musica internazionale.

©Giulia Greco – I Fuori Orario – Palacultura, Messina 2019

Subito a seguire, dopo gli interventi degli organizzatori, la vera sorpresa dell’evento: Denny Napoli, con la sua comicità tutta al messinese ha saputo intrattenere, coinvolgendo il pubblico, e ha fatto letteralmente impazzire l’interprete per i sordomuti (accorsi numerosi allo spettacolo), che si è trovata a dovere rendere in lingua dei segni le numerose espressioni in dialetto utilizzate. Tanti sono stati i temi trattati: la “messinesità” vista a 360 gradi, con i suoi pregi e suoi difetti, è sempre emersa dalle parole del comico. L’atteggiamento canzonatorio è stato il vero punto di forza del monologo, che non ha risparmiato l’istrionico sindaco De Luca, dalla nuova politica sulla gestione rifiuti fino all’attivazione del numero di segnalazione illeciti messo a disposizione della cittadinanza.

©Giulia Greco – Denny Napoli – Palacultura, Messina 2019

 

Tema di collegamento con gli ospiti successivi è stata la cultura culinaria, argomento assai caro alle nostre latitudini. Inoltre, cinque fortunati sono stati scelti dal pubblico per elencare, su sottofondo musicale, gli aspetti che a loro parere sono più belli della città di Messina.

Dulcis in fundo, I Soldi Spicci hanno recitato un estratto del loro nuovo spettacolo Chi dice donna dice camion. Pur con qualche difficoltà tecnica, ogni sketch ha suscitato grande ilarità: nel pieno stile del duo comico, gli argomenti sono stati prevalentemente collegati alla vita di coppia, in tutte le sue declinazioni.

©Giulia Greco – I Soldi Spicci – Palacultura, Messina 2019

Possiamo affermare che noi di UniVersoMe, così come gli spettatori in sala, siamo stati particolarmente contenti di avere partecipato all’evento, non soltanto perché abbiamo ritenuto la causa realmente meritevole, ma anche perché ci siamo divertiti tantissimo.

Quale modo migliore per iniziare i preparativi per il Parolimparty 2020?

Emanuele Chiara

Leggi Anche...

Sanremo #Day5: come si è concluso il Festival?

Il #day5 inizia in modo frizzante. C’è chi se la prende comoda, chi salta fuori …

Lascia un commento