Conte:”la crisi piú difficile dal dopoguerra”

Nella drammatica giornata di ieri , il premier Conte si é nuovamente espresso attraverso una diretta facebook dopo le ore 23, per annunciare nuove misure restrittive contro il covid-19. Le misure  momentaneamente sono previste dal 23 marzo fino al 3 aprile. La cruciale decisione annunciata in tarda serata dal premier, risulta necesseria a seguito dei dati  critici sul piano dei contagi e dei morti.

Sotto l’azione sempre piú insistente da parte di regioni, sindacati e dall’opposizione, il premier dà il via ad ulteriori restrizioni estese a tutto il territorio italiano.

Questa é la sfida piú difficile dal dopoguerra” premette. Per poi annunciare:

chiuderanno tutte le attivitá produttive non cruciali. Ma resteranno aperti supermercati alimentari, farmacie e parafarmacie. Saranno garantiti i servizi essenziali: bancari, postali, assicurativi, finanziari e i trasporti”.

A premere su questa drastica decisione sono state soprattutto le spinte da parte delle regioni. I rispettivi governatori della Lombardia e del Piemonte Attilio fontana e  Alberto Cirio in precedenza si erano giá espressi, firmando delle ordinanze per ulteriori misure restrittive.

Il presidente del Piemonte Cirio ha dichiarato: “chiudiamo tutto quello che é possibile chiudere con i poteri delle regioni.” Nel caso della Lombardia chiusi uffici pubblici,studi professionali,cantieri e attivitá all’aperto.

Il resoconto dei dati sui contagiati di coronavirus in Italia risulta essere negativo. Si registra un ammonto totale di 42.681 casi positivi e un numero di vittime  attualmente pari a 4.825. É fondamentale -pertanto – la decisione del premier Giuseppe Conte della scorsa notte di procedere alla chiusura totale delle attivitá non essenziali.

Le nuove disposizioni del covid-19

Le nuove disposizioni  prevedono l‘apertura dei negozi alimentari, discount , ipermercati  senza limiti di orario, rispettando le misure precauzionali del metro di distanza e indossando le apposite mascherine con guanti monouso poiché devono essere garantiti  normalmente i generi alimentari per il fabbisogno quotidiano dei cittadini.

Non sono previsti cambiamenti sulla produzione, sul trasporto e l’acquisto di medicinali. Farmacie e parafarmacie, dunque, resteranno aperte.

Edicole e tabbacai continueranno ad essere aperti, ma con l’obbligo di accesso ad una sola persona per  volta.

Blocco totale per il gioco del lotto,gratta e vinci  e le rispettive  attivitá svolte online.

Per quanto riguarda i trasporti non rientrano nello stop i trasporti ferroviari di persone e merci, quello di passeggeri in aeree urbane , i taxi, il trasporto di merci su gomma, quello marittimo e aereo.

Tra i servizi considerati essenziali rientrano anche le coltivazioni agricole; industrie alimentari; fabbricazione di spago, carta funi e reti; fabbricazione di carta; fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche; fornitura di energia elettrica ; raccolta e trattamento dei rifiuti; Servizi postali; Servizi veterinari.

Resteranno attive le imprese produttrici di gomma; le raffinerie di petrolio indispensabili per il funzionamento dei trasporti.

Consapevole dell’ulteriore sforzo che viene chiesto ai cittadini, il premier invita a mantenere la calma. Bisogna evitare gli accaparammenti e rispettare le norme dettate.

Uno sforzo necessario per il bene futuro dei cittadini accompagnato da misure ancora piú stringenti per combattere un nemico apparentemente invisibile.

Conte continua dichirando:

Mai come ora la nostra comunitá deve stringersi forte come una catena a protezione del bene piú importante,la vita. Se dovesse cedere un solo anello di questa catena saremo esposti a pericoli piú grandi per tutti”.

Adesso piú che mai i cittadini sono chiamati a rispettare le nuove misure. Solo attraverso impegno quotidiano, coscienza sociale e rispetto per il prossimo, inizieremo a vedere i primi passi verso l’abbattimento del virus che sta piegando il mondo. Uniti ce la faremo.

Eleonora  Genovese

di Attualita

Leggi Anche...

Per Willy, contro ogni forma di violenza!

Si terrà sabato 19 settembre 2020 alle 17 presso Piazza Unione Europea, il SIT-IN per …