Chiusura svincolo Giostra: è caos. Ecco cosa sta succedendo

In questi giorni siamo tutti rimasti col fiato sospeso a proposito della chiusura dello svincolo Giostra. La viabilità non accenna a migliorare per una serie di ragioni e l’amministrazione è risultata parecchio indecisa sulla materia.

Ma qual è la radice del problema?

Ciò che crea rallentamenti e ingorghi sono i lavori di adeguamento sismico sul Viadotto Ritiro, sull’autostrada Messina-Palermo.
Il traffico si localizza infatti nel tratto autostradale Villafranca- svincolo Giostra.

Dopo il lockdown  il problema è chiaramente diventato più pervasivo e adesso, in piena bella stagione, si prevede un massiccio incremento dei problemi di viabilità.

Le pianificazioni nel corso del tempo

Inizialmente si era prevista la chiusura dello svincolo a partire dal 20 giugno. Si trattava di un un periodo di due settimane in via sperimentale con lo scopo di monitorare la situazione e garantire la fluidità del traffico nei punti critici. Insomma, un banco di prova per verificare eventuali vantaggi e svantaggi, in vista di una programmata lunga chiusura.

Dal 20 giugno siamo poi passati al 27 giugno. Tale rinvio è stato motivato dall’impreparazione logistica alla decisione presa. Mancava l’organizzazione di un servizio per la gestione del traffico e segnaletica adatta.

Nel frattempo si era pensato ad un’apertura su fasce orarie. Lo svincolo infatti sarebbe rimasto aperto, o almeno con una chiusura parziale. La chiusura sarebbe stata nei periodi di intenso traffico, parliamo quindi dei fine settimana e tutti i giorni nelle prime ore del mattino (dalle 7 alle 9). La proposta però non è stata presa in considerazione per la difficile praticabilità.

Adesso invece, a pochi giorni dalla data definitiva, ci sono ancora numerose incertezze e si attende un comunicato del Comune per revocare la data del 27 giugno.

Quali sono state le argomentazioni sulla questione?

La chiusura dello svincolo avrebbe sì aiutato la viabilità autostradale, a svantaggio però di quella cittadina, soprattutto nella zona Nord.

Inoltre un tale provvedimento avrebbe colpito, per riflesso, tutta la rete stradale cittadina contribuendo al collasso viario degli svincoli del Boccetta e del Viale Europa.

Si era anche presentato il problema della necessità di vie di sicurezza alternative per la popolazione della zona Nord e soprattutto per la Rete Ospedaliera del Papardo.

Infine, si è ritenuto necessario trovare soluzioni efficaci per evitare i disagi di viabilità e pertanto si attende un comunicato ufficiale che attesti il rinvio di questa chiusura.

Angela Cucinotta

di Attualita

Leggi Anche...

Anonymous si scaglia contro l’app del momento TikTok

  Mentre TikTok continua ad attrarre un numero maggiore di utenti anche a causa delle …

Lascia un commento