Eventi

USA: Trump pronto a lasciare la Casa Bianca

Donald Trump ha annunciato per la prima volta di essere disposto a lasciare la Casa Bianca, se il Collegio elettorale convaliderà i risultati delle elezioni.

Elezioni Usa, Trump: “Lascio se il collegio voterà Biden”- Fonte:it.finance.yahoo.com

Dopo le elezioni del 3 novembre, il presidente repubblicano ora si avvicina cautamente all’ammissione della sconfitta. Però secondo molti media non dichiarerà mai esplicitamente di aver perso. Si dovrà, comunque, attendere il 20 gennaio per l’insediamento ufficiale alla presidenza di Joe Biden.

Conferenza stampa

Trump ha detto che lascerà la Casa Bianca – Fonte:it.sputniknews.com

Durante la conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio, la prima dopo le elezioni, il Tycoon ha ribadito di non voler accettare la sconfitta, per i “massicci brogli” che hanno influenzato il risultato elettorale:

“Sarà molto difficile ammettere la sconfitta, perché ci sono stati brogli enormi.”.

Insiste sulla “farsa” delle elezioni considerando l’enorme errore che avrebbe commesso il Collegio elettorale se avesse confermato la vittoria del suo sfidante.

“So una cosa, Joe Biden non ha ottenuto 80 milioni di voti.”.

Alla domanda di una giornalista, invece, riguardo l’uscita dalla Casa Bianca, il repubblicano ha risposto:

Certamente lo farò… certamente lo farò, e voi lo sapete.”.

Sono parole importanti e sconvolgenti, che arrivano dopo settimane in cui il Capo di stato si rifiutava di riconoscere la vittoria a Biden, scagliando accuse di frodi prive di fondatezza che non hanno avuto modo di pervenire in aule di tribunali.

In ultimo, si è rifiutato di rispondere al quesito riguardo la sua partecipazione alla cerimonia di giuramento del futuro presidente. Egli si è limitato a non rilevare al pubblico la sua decisione per l’Inauguration Day, bisognerà perciò attendere per saperne di più.

Processo ufficiale

Dal lunedì di questa settimana, si è dato avvio alla transizione di governo. Lo stesso repubblicano, durante le interviste, ha fatto riferimento all’amministrazione dell’avversario e al nuovo gruppo di maggioranza che sta ponendo le basi per un nuovo status presidenziale, che, di certo, non sta avvenendo in acque tranquille.  Il comitato elettorale di Trump, sebbene abbia perso gran parte delle battaglie legali, continua a sostenere che “il tempo non è dalla nostra parte ma i fatti lo sono”, facendo intendere che le prove accusatorie dei brogli elettorali possano giungere prima dell’insediamento alla presidenza del nuovo presidente, se solo vi fossero indagini appropriate. La realtà mostra uno scenario nettamente differente: negli stati in bilico come la Pennsylvania, il Michigan e la Georgia la vittoria dell’ala democratica è stata già ampiamente confermata. Risulta evidente che il conflitto posto in essere dai repubblicani sia non solo infondato, ma anche giuridicamente debole.

Usa: Biden organizza il tuo team – Fonte:vaticannews.va

Nella turbolenza degli animi, intanto, Joe Biden ha finalmente avuto accesso a file, finanziamenti e riceve briefing dai servizi di intelligence statunitensi, avendo perciò ingresso ai grigi dati della pandemia da Covid-19 e all’avanzamento dei diversi progetti di vaccinazione.

Risultati del Collegio elettorale

Il 14 dicembre si terrà la riunione del Collegio elettorale, aggregato nei singoli Stati, in cui i grandi elettori saranno tenuti ad esprimere il proprio voto per il candidato alla presidenza e alla vicepresidenza. I risultati della votazione verranno trasmesse dagli Stati al Senato con sede a Washington entro il 23 dicembre. Le schede, riposte dentro delle casse di mogano, saranno conteggiate formalmente il 6 gennaio dal Congresso riunito in sessione plenaria e presieduto dal vicepresidente Mike Pence, il quale certificherà definitivamente il vincitore. Si dovrà, dunque, attendere il 20 gennaio, per la nomina ufficiale alla presidenza.

Elezioni americane –Fonte:ilpost.it

Giovanna Sgarlata

di Redazione Attualità

Avatar

Leggi Anche...

Fast Fashion: il vero costo della nostra maglia comprata a 3 euro

Il male è banale, lo diceva Hannah Arendt. Ed è più che mai vero, se …