L'autrice Giovanna Giordano con Daniela Bonanzinga (destra) e Tiziano Minuti (sinistra). © Martina Galletta

A bordo di una nave per respirare “Il profumo della libertà”

Il 5 novembre alle ore 19:00 Giovanna Giordano, candidata premio Nobel alla letteratura 2020, ha presentato a Messina il suo ultimo romanzo: Il profumo della libertà. L’iniziativa è stata promossa dalla Libreria Bonanzinga ed ospitata in un ambiente suggestivo quanto inusuale: la nave Telepass della Caronte&Tourist ormeggiata a un molo della Rada San Francesco.

A condurre la serata è stata la titolare della libreria Daniela Bonanzinga, che s’è avvalsa della collaborazione di Tiziano Minuti, in qualità di moderatore e in rappresentanza della società di navigazione.

L’evento è stato scandito inoltre dall’alternarsi di momenti di lettura di brani estrapolati dal libro, declamati da Marco Castiglia, con le riflessioni scaturite dalle tematiche presenti: prima tra tutte la libertà.

Marco Castiglia legge i brani tratti da “Il profumo della libertà”. © Martina Galletta

E’ infatti il desiderio irrefrenabile di libertà, equiparato dall’autrice ad un istinto primordiale, che spinge Antonio Grillo – protagonista del libro – a lasciare Gesso, piccolo villaggio del messinese, per imbarcarsi alla volta degli Stati Uniti.

Giovanna Giordano ce lo descrive come un uomo allegro, d’animo gentile, che mal sopporta la violenza e prova grande tenerezza verso ogni creatura vivente e non.

La sua volontà di essere libero si esprime in tante forme diverse: nel desiderio di spostarsi intraprendendo un viaggio; nella rinuncia ai propri confini mentali per addentrarsi nel mondo dell’immaginazione e delle possibilità infinite; nella risolutezza con cui sceglie di non lasciarsi sopraffare dalle emozioni negative, per concentrarsi invece su quanto di buono può offrire anche una circostanza apparentemente avversa.

Uno dei momenti più simpatici della serata: l’autrice ci invita a tenere chiuso l’ “occhio nero” del pessimismo con cui solitamente guardiamo il mondo. © Martina Galletta

Questo personaggio, ispirato al prozio dell’autrice, occupa un posto molto speciale nel suo cuore, così come anche tutte quelle persone che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento: da quelle sedute tra le file della sala ad ascoltarla ai suoi antenati, ma anche a tutte quelle figure del passato – come Ulisse – inventate ed entrate a far parte dell’immaginario collettivo grazie ad autori come Omero, a cui è attribuita l’Odissea, una delle prime narrazioni con protagonista un viaggiatore.

Spettatori sul ponte salone della nave Telepass: una location “di mare” per presentare un libro ambientato sul mare. © Martina Galletta

In ognuna delle parole della Giordano s’è percepito non solo l’enorme impegno profuso per la stesura del romanzo, ma anche il grande amore da lei provato per la cultura classica ed il mondo della lettura. Elementi decisivi che hanno reso trascinante il ritmo della serata, oltre che interessanti e mai pretenziosi i contenuti esposti durante la presentazione.

Firmacopie a conclusione della serata. © Martina Galletta

 

Rita Gaia Asti

 

                                        

Leggi Anche...

la fattoria degli animali

La fattoria degli animali: il racconto di una rivoluzione

Leggere è senza alcun dubbio uno dei più grandi piaceri della vita: ci permette di …