Home / Eventi / Emilio Isgrò, presenta il suo libro Autocurriculum.

Emilio Isgrò, presenta il suo libro Autocurriculum.

Ieri sera, alle ore 21 presso il Circolo delle Lucertole di Barcellona Pg, si è svolta la presentazione del libro di Emilio Isgrò, dal titolo Autocurriculum.

Emilio Isgrò, conosciuto maggiormente per le opere delle “cancellature”, è uomo di cultura, poliedrico, artista, scrittore e regista. Ha partecipato a diverse edizioni della Biennale di Venezia, oggi vive e lavora a Milano. E’ uno dei nomi dell’arte italiana più prestigiosi a livello internazionale.

 

Introdotto da Marco Bazzini e Matteo Reale che accennano alla biografia dell’autore, incentrando il discorso sul testo, “Autocurriculum” ovvero il lavoro creato da sé.

Nel libro presenti diversi episodi simpatici dove si raccontano gli anni di formazione in Sicilia, e poi il trasferimento a Milano.

Barcellonese di nascita, città alla quale ha donato l’opera del seme d’arancia, che è divenuto simbolo di questa. Tornato a casa, ci accoglie mangiando delle more di gelso. Nomina tutti i conoscenti e amici venuto a trovarlo per la presentazione, raccontando piccoli aneddoti della sua vita.
Fin dall’inizio si mostra come una persona di grande umiltà.
Uomo colto e abile oratore, accenna al luogo in cui ci si trova, non sempre incline ad attività culturali che purtroppo scarseggiano.

Racconta di aver viaggiato molto, della sua vita, si auto definisce un privilegiato, molto riconoscente al padre, amante dei libri e della musica, che l’ha indottrinato verso gli studi migliori.
Al contrario del padre, lui stesso non si considera uno studioso, anzi da giovane si comportava in modo svagato per questo lo definivano “il poeta”.
Artista che ha vissuto negli anni della pop art in America, pre-concettuale sempre avanti rispetto agli altri, non ha mai voluto essere riconosciuto in uno stile.

In copertina del libro si legge “che è il direttore della società unico per raccomandare di non fare”. Ne accenna l’autore mentre sta per concludere il discorso sul suo libro, parlando dell’importanza dell’individualità e sull’essere originali.

Parla dell’omologazione della massa, della necessità di riconoscere la diversità accettandola come tale e facendone un punto di forza.
Ma cosa più importante, del bisogno di diffondere la cultura, ovvero l’antidoto a tutte le guerre.

 

Articolo e foto Marina Fulco

di Redazione UniVersoMe

Leggi Anche...

Convegno “UGUAGLIANZA UOMO – DONNA: STORIA DI UN’INCOMPIUTA”

Diversi sono stati gli interventi che si sono susseguiti durante il secondo giorno della conferenza“Uguaglianza …

Condivisioni