Eventi

Messina: si apre la corsa al CNSU

Salvatore Cirillo ufficializza la sua candidatura

Conferenza Stampa CirilloSi è svolta martedì mattina presso l’aula Cannizzaro la conferenza stampa con la quale Salvatore Cirillo ha ufficializzato la sua candidatura al CNSU per le elezioni del 18 e 19 maggio prossimo nella coalizione “Studenti per la Libertà-Azione Universitaria”. A moderare la conferenza stampa è stato Saverio Curello, rappresentante degli studenti in seno al Senato Accademico.

Il Sen. Curello spiega la scelta di Cirillo al CNSU

Il Sen. Curello, fin da subito, ha tenuto a precisare che la candidatura di Salvatore Cirillo è una candidatura che non viene dall’alto, ma è il frutto di una sinergia tra alcune associazioni dell’ateneo e non solo. Infatti il IV distretto di cui fa parte l’ateneo messinese è molto ampio, comprendendo oltre la Sicilia anche il Molise, la Campania, la Puglia, la Basilicata, la Calabria e infine la Sardegna. Salvatore Cirillo si occupa di politica; ad oggi è presidente dell’Associazione Giovani di Caulonia e Vice presidente del coordinamento provinciale Forza Italia Giovani della Provincia di Reggio Calabria. La scelta di proporlo come rappresentante del Cnsu nasce proprio, spiega il senatore, dall’ impegno e dall’ interesse mostrato, nonché dalla capacità di affrontare i problemi dell’Università sia a livello locale che nazionale.

Cirillo: cos’è il CNSU ed il Programma

Dopo la breve introduzione del Sen. Curello prende la parola Salvatore Cirillo che spiega, molto approfonditamente, di cosa si occupa il CNSU e l’importanza di quest’organo. Subito dopo ha esposto i punti del programma diviso in Micro, per identificare meglio le problematiche da affrontare dei singoli distretti, e Macro per quanto riguarda le problematiche a livello nazionali.

Chi appoggia la candidatura di Salvatore Cirillo

Hanno preso parte alla presentazione della candidatura di Cirillo le associazioni studentesche che appoggiano il candidato. Nello specifico Sono intervenuti: Pierluigi Russo dei Figli d’Ippocrate, Domenico Mazza del Collettivo Articolo 21, Giuseppe Recupero di Credito Accademico e Leo Staiti di Ermes-Espressioni, che hanno esposto al candidato alcune problematiche sia locali che nazionali.
Il Sen. Curello ha ribadito, alla fine del dibattito, il suo totale appoggio, oltre che dell’AGES, a Salvatore Cirillo. Speranzoso, confida nel fatto che molti altri possano contribuire alla causa affinchè venga rivalutata la figura delle rappresentanze studentesche negli atenei e si possa tornare a scommettere su i giovani e sull’istruzione.

Intervista a Salvatore Cirillo

Scalinata - Gruppo CirilloCome mai hai deciso di candidarti al CNSU?

La decisione della mia candidatura non è stata voluta solo da me, che da molti anni faccio politica e milito in Forza Italia, ma è stata voluta da una coalizione di associazioni studentesche messinesi con il supporto di altre associazioni appartenenti al IV Distretto. Il mio nome è stato ritenuto quello più opportuno dopo tanto lavoro, svolto in questi mesi in tutto il territorio.

La prima cosa più importante una volta eletto al CNSU?

Innanzi tutto vorrei portare avanti una mozione già presentata dai consiglieri in carica uscenti al CNSU: la problematica dell’ ISEE. Urge, quanto prima, la modifica della scala ISEE; molti studenti, quest’anno, a causa di questo problema non sono stati beneficiari di borsa di studio. Questa penalizzazione ha gravato, oltre che sulle famiglie, anche sul rendimento didattico dello studente che si è trovato fortemente svantaggiato senza quest’essenziale sussidio. Un altro punto importante è la carta dello studente, molto simile alla carta “IO STUDIO” rilasciata agli studenti delle scuole superiori, che da delle agevolazioni su tutto il territorio nazionale.

Cosa ne pensi della candidatura del Sen. Armone? Dall’esterno sembra una vera è propria spaccatura visto che anche lui è candidato nella tua stessa coalizione.

Conosco il senatore Armone da qualche anno, è un bravo ragazzo molto preparato e come me ha buona esperienza politico-universitaria. Credo che essendo nella stessa coalizione, anche se lui fa parte di Azione Universitaria, ci troveremo entrambi in grossa difficoltà essendo dello stesso ateneo. Sarebbe stato bello avere un solo candidato nella nostra università. Questo perché, come hai già detto tu, evidenzia una spaccatura ben visibile, anche dall’esterno, che desta delle preoccupazioni a livello nazionale. Nonostante ciò, reputo Armone un ragazzo serio e ci tengo a fargli il mio in bocca a lupo.

Gaetano Bongiovanni

di Gaetano Bongiovanni

Leggi Anche...

UniMe e fondazione “Fiumara d’arte”: presto nuove 13 opere

Fin dai primi tempi l’uomo è stato ossessionato dalla bellezza. Bellezza che sì, è soggettiva …