Zio Oscar compie 89 anni. Considerazioni e pronostici.

“E che non lo fai l’articolo prima degli Oscar?” 

Ed eccoci qui a poche ore dalla notte più importante per Hollywood : gli Academy Awards!
Che quest’anno festeggiano ben 89 anni, a presentarli sarà Jimmy Kimmel il conduttore dell’omonimo talk show.

Kimmel ha buone doti comiche, ha tutte le carte in regola per sostenere uno show divertente e non mancherà qualche scenetta col suo nemico giurato (in realtà miglior amico) Matt Damon.
Di seguito uno dei molteplici “take-over” di Matt Damon nello show di Jimmy Kimmel.

Sarà una serata probabilmente all’insegna dei discorsi politicamente impegnati e non escluderei anche la possibilità che qualche premio (vedi The Salesman) verrà assegnato proprio per la tematica piuttosto che per la qualità del lavoro.
Negli ultimi tempi questo periodo dell’anno , denominato “awards season” dai media, si mette il mantello dell’eroe politico offrendo occasioni per esprimere sentimenti politici che altrimenti rimarrebbero sottaciuti.
Le proteste dell’anno scorso per gli #OscarSoWhite sono acqua passata, la realtà ed alterità del mondo è egregiamente rappresentata in questa edizione. Iniziando con quel gioiello struggente a “lieto” fine che è Moonlight passando per La La Land che ci racconta la situazione odierna dell’industria cinematografica costellata di sale storiche che chiudono e aspirazioni artistiche spezzate; arrivando a Toni Erdmann commedia tedesca sul rapporto fra un padre e la figlia.
Le categorie più tecniche non le analizzerò per non appesantirvi, suggerisco però la visione dei corti di animazione Pear, cider and cigarettes Blind Vaysha.
A rappresentare l’Italia c’è Fuocoammare nella sezione “miglior documentario” la cui vittoria è piuttosto improbabile visti i concorrenti: non migliori ma semplicemente affrontano temi più vicini al cuore dei membri dell’Academy. Mi accontento della risonanza mondiale che ha avuto e continua ad avere, grazie anche alla “madrina” che l’ha premiato l’anno scorso alla Berlinale : Meryl Streep.

La cerimonia è un evento che crea mega profitti, non solo per le star. Le cifre sono da capogiro fra l’allestimento e l’after party. Gli sponsor ufficiali sono Coca Cola, Moet & Chandon, Samsung, Kohl’s.
Gli ospiti pagano i biglietti (dai 750$ ai 150$) e contribuiscono con la loro immagine , entra in gioco la cosiddetta ambassadorship ossia il volto e il corpo della star viene usato per pubblicizzare un marchio.
Ironico è sapere che a fronte di questi milioni la statuetta vale “solamente” 900$.
“E’ Hollywood baby”.

Ecco i candidati delle principali categorie e le personali considerazioni:

Miglior attore protagonista :

  • Casey Affleck
  • Denzel Washington
  • Ryan Gosling
  • Andrew Garfield
  • Viggo Mortensen

Tutti e cinque i candidati hanno dato delle interpretazioni eccellenti (anche se Garfield l’avrei candidato per Silence piuttosto per la battaglia di Hacksaw Ridge).
Ci sono interrogativi fra chi è in pole position fra Denzel Washington Casey Affleck ma chi dovrebbe è Viggo Mortensen per “Captain Fantastic” perché la sua interpretazione è magnetica e totalizzante come poche negli ultimi anni.

Miglior attrice protagonista : 

  • Emma Stone
  • Natalie Portman
  • Isabelle Huppert
  • Meryl Streep 
  • Ruth Negga 

Sublime Ruth Negga, come la Huppert in Elle donna violentata e picchiata. Meryl Streep si guadagna la ventesima candidatura, quasi un annuale passaggio obbligato , simpatica e bravissima ma avrei preferito la candidatura di Amy Adams ingiustamente esclusa dalla categoria.
Vincerà Emma Stone perché in La La Land è brava , coinvolgente e simpatica. E se lo merita.

Miglior film :

  • La La Land (Damien Chazelle)
  •  Moonlight (Barry Jenkins)
  •  Manchester by the Sea (Kenneth Lonergan)
  •  Arrival (Denis Villeneuve)
  •  Lion (Garth Davis)
  •  Il diritto di contare (Theodore Melfi)
  •  Barriere (Denzel Washington)
  •  Hell or High Water (David Mackenzie)
  •  La battaglia di Hacksaw Ridge (Mel Gibson)

Avrei risparmiato la candidatura di un paio di questi. Il diritto di contare è una bellissima storia con un cast eccezionale, Manchester by the sea scritto benissimo.
Vincerà il favoritissimo La La Land ma il mio preferito rimane Moonlight perché è perfetto in ogni suo aspetto.

Miglior regista:

  • Damien Chazelle
  • Barry Jenkins
  • Denis Villeneuve
  • Kenneth Lonergan
  • Mel Gibson

Mel Gibson? Seriamente? No grazie. Vincerà Damien Chazelle perché ha recuperato il musical, lo ha applicato ai nostri giorni raccontando la triste realtà del cinema con una naturalezza impressionante. Se vince inoltre sarà il secondo regista della storia a vincere con un musical in questa categoria , prima di lui Vincente Minnelli con Gigi.

Miglior attrice non protagonista : 

  • Viola Davis
  • Michelle Williams
  • Naomi Harris
  • Octavia Spencer
  • Nicole Kidman

Viola Davis. Basta il nome. Per “Barriere” sarebbe dovuta essere inserita nella categoria migliori protagoniste. Vincerà perché la sua è una master class di recitazione.
Naomi Harris in Moonlight è altrettanto brava , elettrizzante e passa da uno stato d’animo a un altro con una velocità impressionante. Per me dovrebbe vincere ma il mio cuore è con Viola, mi dispiace ma questo è il suo MERITATO anno.

Miglior attore non protagonista :

  • Mahershala Ali
  •  Jeff Bridges
  •  Lucas Hedges
  •  Dev Patel
  •  Michael Shannon

Mahershala Ali appare solo nella prima parte del film ma il suo personaggio è una guida, un modello di sensibilità di cui sentiamo la stessa mancanza che prova il protagonista nella seconda parte del film. Jeff Bridges è un veterano. Dev Patel bravo e anche Hedges ma manca qualcosa alla loro interpretazione. In conclusione spero che vinca Ali.

Per gli appassionati di moda il red carpet inizierà alle 22:50 la cerimonia vera e propria non inizierà prima delle 24:00 la diretta in Italia sarà trasmessa da Sky Cinema Oscar HD e in chiaro da TV8.
E’ un evento mondano che ogni anno ci fa entrare Hollywood in casa.
Chi organizza una visione di gruppo con tanto cibo e bevute e chi in altro modo una cosa è certa : sarà una lunga nottata. Pronti tutti a ballare sulle note di “Can’t stop the feeling” durante l’esibizione di Justin Timberlake.
La palpebra, probabilmente, sarà pesante già dopo 5’ minuti però resistete: c’è Ryan Gosling.

Arianna De Arcangelis

 

di Arianna De Arcangelis

Leggi Anche...

Goodbye, Eri: tra narrazione e memoria

  Goodbye, Eri è un volume unico scritto e disegnato da Tatsuki Fujimoto, già autore …