Home / Attualità / Fermato il sospettato per l’omicidio di Soumayla Sacko

Fermato il sospettato per l’omicidio di Soumayla Sacko

Era la notte del 2 Giugno quando a San Calogero, in provincia di Vibo ValentiaSoumayla Sacko, ventinovenne maliano, attivista sindacale dell’Usb (Unione sindacale di base), ed altri suoi due compagni di ventisette e trent’anni sono stati colpiti da quattro colpi di fucile mentre cercavano di recuperare delle lamiere dall’ex Fornace, una fabbrica abbandonata, per riparare parte del loro accampamento nella tendopoli di San Ferdinando.

“Si è fermata una Fiat Panda bianca vecchio modello ed è sceso un uomo con un fucile che ci ha sparato contro quattro volte…”

Quattro colpi di fucile di cui uno ha colpito alla testa Sacko che è deceduto poco dopo nonostante il trasporto all’ospedale di Reggio Calabria, dove però non è servito a nulla l’immediato intervento dei medici. L’altro colpo ha ferito alla gamba un altro dei ragazzi, mentre gli altri due non hanno colpito il bersaglio, lasciando illeso il terzo e più giovane di loro che ha così potuto osservare il “cecchino” e informare immediatamente le forze dell’ordine.

Immagine correlataOggi, dopo cinque giorni di indagini sembra essere arrivata la svolta in questo caso con l’arresto da parte dei Carabinieri di Vibo Valentia, di Antonio Pontoriero, 42enne che le autorità avevano immediatamente posto nella lista dei sospettati dopo aver ricevuto la testimonianza dei due amici del sindacalista ucciso, che oltre ad aver fornito il colore ed il modello della macchina dell’assassino, erano stati in grado di dare anche informazioni sui vestiti che l’uomo indossava (una maglia nera ed un pantalone grigio) ed un frammento del numero di targa. È bastato poco, quindi, ai Carabinieri ed al pm Luca Ciro Lotoro individuare il presunto colpevole, nella casa del quale sono stati ritrovati i vestiti pronti per essere lavati e l’automobile indicata dalle vittime. Le manette sono scattate in anticipo proprio per evitare una possibile fuga di Pontoriero che adesso sta aspettando i risultati delle analisi balistiche e dello stub per capire a quale pena potrà andare incontro.

Ma questo è solo l’ultimo di una lunga lista di casi simili che ciclicamente si ripetono nella zona della piana di Gioia Tauro, dove gli immigrati vengono sfruttati nei campi per raccogliere frutta e ortaggi a paghe che non superano l’euro e cinquanta l’ora. Sono circa 3500 quelli che abitano – sopravvivono – nella tendopoli di San Ferdinando, nata nel 2010 dalla protesta degli stessi migranti per le pessime condizioni in cui erano lasciati a vivere; ma la situazione non è cambiata e quella che doveva essere solo una “soluzione temporanea”, per molti si sta  trasformando in una solida e tremenda realtà da portare avanti.  Soumayla Sacko era uno di quelli che però non ci stava, voleva lottare per un futuro che regolarmente gli spettava (sia lui che i suoi 3 compagni erano in possesso di un valido permesso di soggiorno) dopo essere scappati dalla guerra nei loro paesi d’origine, e per questo si era avvicinato all’Usb facendosi portavoce di tutti gli altri che si trovavano nella sua stessa condizione, in una terra sotto il controllo della ‘Ndrangheta.

E dopo parecchi giorni dall’accaduto, a rompere un silenzio che aveva destato scalpore e indignazione, è intervenuto il Premier Conte che, due giorni fa in Senato, ha parlato dell’omicidio del sindacalista malianoRisultati immagini per conte al senato

“Non siamo affatto insensibili. Sacko Soumayla è stato ucciso con un colpo di fucile. Era uno tra i mille braccianti con regolare permesso di soggiorno che ogni giorno nel nostro Paese si recano al lavoro in condizioni che si collocano sotto la soglia di dignità. A loro e ai loro familiari dobbiamo tutti un commosso pensiero […] la politica deve farsi carico del dramma di queste persone e garantire percorsi di legalità, che costituiscono la stella polare del nostro programma di governo”

Ancora nulla, invece, è stato detto dal neo eletto Ministro dell’Interno Matteo Salvini, oggetto di numerose critiche a pochi giorni dalla sua affermazione di voler tagliare 5mld di euro destinati precedentemente proprio alla questione migranti.

Intanto le proteste nella tendopoli continuano giorno dopo giorno, dando luce ad una situazione, già ampiamente conosciuta, ma troppo spesso taciuta a livello nazionale. Risultati immagini per Soumayla Sacko

“Noi siamo qui per lavorare. Ma ci ammazzano come animali, ci picchiano, ci maltrattano solo perché siamo africani”

Giorgio Muzzupappa

Leggi Anche...

L’istruzione in discussione: il valore della laurea negli atenei del sud

Con voce tonante Matteo Salvini ha annunciato di volere rimettere mano a una questione che …

Condivisioni