Home / Eventi / Presentazione libro: Crescere nell’Assurdo, uno sguardo dallo stretto

Presentazione libro: Crescere nell’Assurdo, uno sguardo dallo stretto

Giorno 19 novembre 2018 alle ore 15:00 si è svolta la presentazione del libro Crescere nell’assurdo: uno sguardo dallo stretto a cura di Lorenzo Donati e della prof.ssa Rossella Mazzaglia.

Il libro rappresenta la tappa di un progetto più grande organizzato dall’associazione Altre Velocità di Bologna, realizzato in diverse città italiane tra il 2015 e il 2017.

La tappa di Messina è rappresentata da Crescere nell’Assurdo, uno sguardo dallo Stretto, accolto in un laboratorio svolto nel 2016 insieme all’Università di Messina.

In particolare, il libro è nato da un laboratorio nel quale si prevedeva la riscoperta di luoghi poco accessibili al pubblico per uno sguardo su una Messina diverso da quello abituale.

Dalla zona Cammarata in cui si osserva e si comprende il cambiamento urbanistico e culturale che comporta il passaggio dal centro alla periferia, si è visitato il Cimitero Monumentale di Messina, il Teatro dei Naviganti e la zona Falcata.

Nonostante si tratti di zone dismesse, abbandonate ed industriali, sono luoghi che vivono e respirano grazie ad opere come i murales, la casa di Giovanni Cammarata, e alle realtà teatrali.

Il libro, a parte documentare l’esperienza dei vari percorsi, pone diverse domande, tra cui cosa vuol dire essere osservatori e quindi spettatori, dando degli strumenti di auto-osservazione per un’occasione di crescita.

Crescere nell’assurdo rappresenta il crescere davanti a qualcosa di diverso, e ci costringe a porgerci delle domande sulle proprie mancanze. Non si tratta di un’osservazione immediata e superficiale ma di uno sguardo e di una ricerca che vanno oltre.

Hanno collaborato alla scrittura Pier Paolo Zampieri, Vincenza Di Vita, Katia Trifirò, Pier Luca Marzo, Dario Tomasello, Agnese Doria, Graziano Graziani. Foto documentate dagli studenti dell’Università di Messina.

 

Marina Fulco

di Eventi

Leggi Anche...

Meet me alla boa, ogni volta che ne avrai bisogno

La storia della metà della mela mi è sempre stata sulle palle: ‘sta cosa che …

Condivisioni