Venezia 2022
Locandina Festival di Venezia. Fonte: youtube.com

Venezia 2022: il festival delle stelle (e degli influencers)

Mentre tutto il mondo piange la fine delle vacanze estive, la prima settimana di settembre è sempre magica per tutti gli amanti del cinema. Questo è il periodo della mostra del cinema di Venezia, una delle premiazioni cinematografiche più prestigiose ed orgoglio italiano. Inaugurato il 31 agosto e conclusosi il 10 settembre, Venezia 2022  ci ha rivelato nuovi talenti e delle nuove interessanti pellicole. Parallelamente alle vicende prettamente inerenti al tema principale della mostra, si è sviluppato tutto un turbine di gossip da “tappeto rosso”.

Venezia 2022: i candidati

Venezia 2022
Ana De Armas, protagonista di Blonde. Author: Eric Longden. Fonte: commons. wikimedia.org

Quest’anno Venezia 2022 ha acceso i riflettori su alcune delle pellicole più attese, che si tratti di film in concorso o fuori concorso. Tra queste si ricorderanno sicuramente Blonde, film in gara, nuovo biopic su Marlyn Monroe; Ana de Armas ha ottenuto anche la candidatura per la coppa volpi come miglior attrice per la sua interpretazione della nota diva di Hollywood. Per questa categoria la vera favorita era però fin dall’apertura del festival Cate Blanchett, per la sua performance in Tàr.

Nella lista dei favoriti di questo festival non poteva certo mancare Bredan Fraser: dopo un lungo e difficile periodo per via di problemi personali e di salute, l’attore fa il suo ritorno sul grande schermo con il ruolo di Charlie, padre obeso che cerca di instaurare un rapporto con la figlia adolescente, in The Whale. Nel cast di questa pellicola ritroviamo anche l’attrice Sadie Sink (Max nella serie Stranger Things).

Per mantenere alto l’orgoglio del cinema italiano, quest’anno alla mostra del cinema di Venezia sono stati presentati ben cinque film targati Italia, quattro in concorso ed uno fuori. Tra questi ricordiamo Bones and all, nuova opera nata dalla seconda collaborazione Guadagnino- Chalamet dopo Chiamami col tuo nome. Il film, storia d’amore e d’orrore, racconta la relazione tra due giovani cannibali; il soggetto è tratto dal romanzo Fino all’osso (titolo originale “Bones and All”) di Camille DeAngelis.

Per la Sezione “Orizzonti”, ritroviamo tra gli altri un film particolare, con un’inteprete inaspettata: si tratta di Ti mangio il cuore di Pippo Mezzapesa e l’attrice protagonista è la nota cantante italiana Elodie. A questo proposito, molte sono state le polemiche mosse verso quest’ultima, in quanto non è un’attrice di professione.

Per quanto riguarda invece i “fuori concorso”, la pellicola più attesa è certamente Don’t worry, darling di Olivia Wilde. In questo dramma dai tratti distopici, i due protagonisti sono interpretati dall’attrice Florence Pugh (Piccole donne) e dalla stella pop Harry Styles. Quest’ultimo è stata una seconda aggiunta al cast, dopo le tensioni avvenute con Shia LaBeouf, prima scelta per il ruolo, ed il suo ritiro dal cast.

Venezia 2022: i vincitori

Ma ora, senza ulteriori premesse, passiamo alla parte saliente di una mostra del cinema come quella di Venezia 2022: presentiamo i vincitori!

Il Leone, simbolo di Venezia e del festival. Author: Tryphon. Fonte: commons.wikimedia.org

La categoria delle selezioni ufficiali comprende i riconoscimenti più prestigiosi. Le voci riguardo a Gli orsi non esistono di Jafar Panahi come favorito per il Leone d’oro sono state smentite: ad aggiudicarsi il premio è stato All the beauty and the bloodshed, film documentario diretto da Laura Poitras. La protagonista del docufilm intraprende una lotta contro la famiglia Sackler, proprietaria di un colosso farmaceutico e ritenuta responsabile per un’epidemia di oppioidi negli Stati Uniti. Il Leone d’argento– gran premio della giuria invece è andato a Saint Omer, dramma opera prima della regista Alice Diop.

Bones and all, invece torna vincente da questa edizione della mostra del cinema: porta con sé il Leone d’argento per la miglior regia a Luca Guadagnino ed il premio Marcello Mastroianni (destinato a un attore o attrice emergente)all’attrice Taylor Russel.

Le previsioni per la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile si sono rivelate corrette. Anche se Blonde  ha ricevuto una standing ovation di circa 14 minuti, non ha potuto togliere niente alla performance della Blanchett, che si è aggiudicata il premio.

Nel caso della categoria “miglior interpretazione maschile”, il vincitore designato ha sorpreso tutti, è stato totalmente inaspettato. Nonostante la performance commuovente di Fraser ed una standing ovation di sette minuti, ad aggiudicarsi questa Coppa Volpi è stato Colin Farell per il ruolo di Pàdraic Sùilleabhàin in The Banshees of Inisherin. La pellicola in questione ha conquistato anche il premio Osella per la migliore sceneggiatura.

Infine, meritevoli di attenzione sono i due leone d’oro alla carriera, conferiti al regista e sceneggiatore Paul Schrader e all’attrice francese Catherine Deneuve.

Un red carpet di stelle hollywoodiane e “vip” italiani

Venezia 2022
Julianne Moore, presidente della giuria. Author: David Alexander Elder. Fonte: flickr.com

Il red carpet di questa mostra del cinema di Venezia 2022 ha brillato per la presenza di alcune tra le figure più affermate nel cinema contemporaneo. Partendo da attori che occupano la scena da ormai diversi decenni, come Brad Pitt (anche se questa volta solo nei panni di produttore di Blonde), Anthony Hopkins o Julianne Moore, presidente della giuria di quest’anno fino ad arrivare alle nuove stelle di oggi. Tra queste la più brillante è certamente il giovane Timothèe Chamalet, amato dal pubblico per la sua bravura ed il suo fascino; a lui si affianca l’attrice e modella cubana Ana de Armas.

Ad ogni modo nell’edizione di quest’anno l’attenzione verso i veri protagonisti del festival sembra essere stata oscurata da figure totalmente estranee al mondo del cinema. Partendo dall’attivista Giorgia Soleri, la quale, in diverse occasioni, ha affermato sui social di non apprezzare nemmeno la settima arte, passando per l’influencer Camihawke, fino ad arrivare alla coppia composta da Sophie Codegoni – ex tronista di Uomini e donne e protagonista del Grande Fratello, e Alessandro Basciano. Quest’ultimo, mentre sfilava sul red carpet, ha chiesto alla Codegoni di sposarla, con tanto di flash e telecamere puntate.

In tutti e tre i casi si tratta di figure fuori luogo, che pur volendo partecipare, come tutti, ad un festival importante come questo, non sarebbero dovute divenire il centro dell’attenzione, “rubando” la scena ad attori, registi e film in gara.

Ilaria Denaro

di Redazione Recensioni

Approfondimento sul mondo dello spettacolo e letterario; musica, film, serie tv, libri e grandi artisti raccontati in una rubrica poliedrica e con occhio critico.

Leggi Anche...

“Il signore delle formiche”: una storia che ha segnato la collettività

  Ci sono storie che, nolenti o dolenti, segnano il carattere di una società. Nel …