Home / Editoriale / Finalmente l’ATM riceve gli studenti universitari – UniVersoMe riporta l’incontro

Finalmente l’ATM riceve gli studenti universitari – UniVersoMe riporta l’incontro

Si è svolto giorno 9 Novembre 2018, nei locali ATM di Via La Farina, l’incontro tra l’Azienda Trasporti Messina, un membro del consiglio federale di Sicilia Vera ed i rappresentanti delle associazioni universitarie.

In particolare per l’ATM sono intervenuti il presidente Giuseppe Campagna, il direttore generale Natale Trischitta, l’esperto del sindaco in materia di viabilità Leonardo Russo,ed il direttore della tranvia Vincenzo Poidomani; per Sicilia Vera la neolaureata in Giurisprudenza Liliana Bonfiglio; per le associazioni universitarie Andrea Fiore (Atreju), Giuseppe Mangiapane (Chirone), Federico Alati (Figli d’Ippocrate), Andrea Barone (Gea Universitas), Lavinia Rita Parisi (Morgana) e Salvatore Ingegneri (Uninsieme). Era inoltre presente al tavolo, il coordinatore della testata d’ateneo UniVersoMe Alessio Gugliotta.

 

Il tavolo ha affrontato il tema di mobilità e trasporti, in relazione alle necessità del corpo studenti. L’ATM si è dimostrata fin da subito incline ad accogliere le proposte degli studenti, chiedendo ai rappresentanti il coinvolgimento dei manager dell’UniMe, così da incardinare l’incontro all’interno di una successione di tavoli tecnici, volti al soddisfacimento delle esigenze degli studenti in termini di mobilità urbana.

Gli esperti del sindaco hanno inoltre suggerito agli altri rappresentanti di supportare l’azienda trasporti già dalla fase progettuale.

Le associazioni studentesche hanno riportato sia i disagi degli studenti nello spostarsi con i mezzi del trasporto  sia un insieme di proposte,  suggerendo alcune soluzioni atte a migliorare l’attuale situazione di disagio.

 

Andrea Fiore interviene riguardo alla questione dei trasporti che attanaglia da tempo la realtà universitaria messinese, una realtà che crea disagi per la comunità studentesca e problemi che sono stati già sollevati da tempo e più volte in questi ultimi mesi da parte della comunità studentesca, che ricordiamo conta circa 24.000 studenti. Andrea al fine di risolvere i vari problemi avanza delle proposte sperando che vengano prese in considerazione dai membri dell’ATM e quindi si avvia un confronto tra i rappresentanti e il direttore ATM, in primo luogo.

La prima proposta avanzata da Andrea trae fondamento dal problema dell’inefficienza del sistema di trasporto. In particolare, gli studenti del Polo Papardo ad esempio, che devono dirigersi verso la zona nord, lamentano le lunghe attese e le poche corse delle navette, cui consegue l’inevitabile ritardo alle lezioni. Viene proposta una corsa in più: quella delle 8:10 per quanto riguarda la linea 24 a causa degli autobus e degli Shuttle sempre affollati e quindi la difficoltà a poter usufruire del servizio perché è programmata la sola corsa delle 7:55 che parte dall’Annunziata verso il Papardo e non è sufficiente. Stesso problema si presenta per la fine dell’orario delle lezioni.

Proposta finale di Andrea è la richiesta di poter usufruire di una serie di vantaggi e agevolazioni sui costi di parcheggio nelle zone di interscambio con tram e bus, ad esempio lo Zir, con un abbonamento con costi ridotti. Proposta condivisa anche dall’associazione Morgana. Il direttore Trischitta a questa proposta risponde che con l’acquisto del biglietto si ha diritto a un tagliando da esporre nelle automobili. Quindi il problema è di mettere a conoscenza gli studenti, di informare meglio.

Lavinia Rita Parisi chiede delucidazioni in merito a questa distinzione tra i parcheggi per i dipendenti e i parcheggi per gli studenti. Il direttore risponde che questo sistema è già in funzione e che si è proposto l’uso del “bike-sharing”. Iniziativa che si vuole mettere in atto con la collaborazione del ministero dell’ambiente e Mobility Manager, Dott. Marino, e Mobility Manager del Comune, Ing. Mondello. Il direttore ATM propone di estendere queste iniziative anche agli studenti prevedendo accordi col Ministro dell’Ambiente per usufruire di bici e altre agevolazioni indirizzate agli studenti. Per questo occorrerà indire una apposita riunione.

Lavinia propone un accordo tra gli studenti con un contratto d’affitto regolare di almeno un anno e l’azienda parcheggi, per poter parcheggiare nelle strisce blu adiacenti con delle convenzioni. Il direttore risponde che è un argomento che potrebbe essere inserito nelle modifiche che l’ATM vorrebbe cominciare ad attuare ma non dipende solo dall’azienda. È oggetto di competenza del Dipartimento Mobilità Urbana del Comune, l’intenzione sarebbe di rendere più utilizzabile il parcheggio Zaera. Un’altra proposta sollevata da Lavinia è quella di lanciare anche dei sondaggi per capire cosa interessa esattamente agli studenti e quali orari precisi vorrebbero.

Federico Alati interviene chiedendo perché all’interno dei vari poli non si possa avere una navetta dell’ATM che arrivi ai poli come succedeva vent’anni fa. L’ ing. Russo risponde dicendo che è un tema complesso che in passato c’era un accordo e che un mese fa ne hanno discusso con la dott. Marino proprio quando era stato attuato il piano Shuttle. Questi problemi si possono risolvere grazie allo Shuttle, nel senso che l’azienda non ha le risorse per fare tutto ma si potrebbe prendere in carico una linea che passa ogni 20 minuti per la città ma sarebbe meglio un accordo con l’università per venire incontro a questo problema. L’obiettivo dell’ATM sarebbe partire da ciò che già funziona, integrando e potenziando.

L’ATM chiede un aiuto da parte dell’Università, una sinergia tra questi due enti per mettere a disposizione dei servizi validi che funzionino, quindi viene suggerito ai rappresentanti delle associazioni studentesche di organizzare un incontro con la dott. Marino.

Andrea Fiore ricorda un’alternativa proposta dalla sua associazione, cioè quella di far partire il servizio di “Car-pooling” per ovviare alle difficoltà di raggiungimento dei poli prevedendo una serie di stalli di parcheggio gratuiti o a prezzo ridotto dove poter  usufruire di auto. L’ing. Russo risponde che nell’atto pratico la soluzione riscontra varie difficoltà ma che comunque l’ATM non si occupa di questa tipologia di servizio. L’ATM resta aperta e favorevole ad aiutare gli studenti anche perché il 90% dell’utenza è rappresentata da loro.

Lavinia afferma che il mese scorso le associazioni studentesche hanno incontrato la dott. Marino in merito alla fermata Q8 che si trova sotto il Papardo, e in merito alla quale c’è la necessità di dialogo tra l’ATM e l’università. L’ing. Russo risponde che potrebbe fornire gli orari di arrivo degli Shuttle e l’università si potrebbe orientare stabilendo delle navette cinque minuti dopo l’arrivo dei bus.

Il Presidente sottolinea come la situazione dell’incontro con i rappresentanti delle associazioni lo renda contento perché ci sono obiettivi chiari e non secondi fini politici o speculativi. Alcune richieste non possono purtroppo essere soddisfatte, probabilmente infatti la miglior cosa sarebbe proprio di riformulare il sistema perché ci sono alcune norme che prevedono dei turni particolari, vincoli particolari, stop obbligatori, delle norme che non consentono di operare in modo normale e non c’è la possibilità di violare alcune norme che devono essere rispettate a partire dall’autista finendo con l’amministrazione.

Gli Shuttle purtroppo trova molte difficoltà a causa del traffico in alcune zone della città e il problema quindi non è il numero di Shuttle messi a disposizione.

Federico ricorda che gli studenti lamentano il fatto che ricevono non si riesce ad usufruire di un servizio all’altezza del prezzo che si paga.

Liliana propone un bus sostitutivo del tram da far passare alle 8 del mattino in modo che gli studenti si possano suddividere tra tram e Shuttle alle 8 del mattino.

 

 

L’incontro si conclude con l’intesa di approfondire ancora le questioni e le proposte messe in campo.

                                                                                                              Giusy Boccalatte

Selina Nicita

Leggi Anche...

Il Time sceglie i giornalisti come persone dell’anno

Il famoso settimanale americano ha annunciato la copertina dedicata alla “persona dell’anno” edizione 2018. Il …

Condivisioni