Bancomat clonati a Taormina, in manette una banda bulgara

 

 

La banda Bulgara composta da 3 elementi, attraverso inventiva e una buona padronanza nell’uso di strumenti tecnologici, riusciva in un primo momento a manomettere gli sportelli bancomat con uno skinner e successivamente captava i codici delle carte di credito clonandole per prelevare poi il denaro.

Grazie alle telecamere di sorveglianza i malviventi sono stati individuati e riconosciuti dalle autoritá locali, attualmente peró soltanto due dei tre elementi della banda si trovano dietro le sbarre; il terzo individuo risulta ancora irreperibile.

Secondo i recenti sviluppi delle indagini, l’ultimo membro della gang dovrebbe trovarsi ancora a piede libero in Bulgaria.

Pietro Inferrera

di Redazione Attualità

Rubrica di long form journalism; approfondimento a portata di studente sulle questioni sociali, politiche ed economiche dall’Italia e dal mondo.

Leggi Anche...

Valerio Pellizzari affiancato dai docenti DICAM Mauro Geraci e Mario Bolognari

L’inviato speciale Valerio Pellizzari si racconta al DICAM

Il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne ha organizzato due incontri seminariali con il noto …