Home / Editoriale / La “scelta” della felicità!

La “scelta” della felicità!

“Cosa vuoi fare da grande?”
Quante volte ci hanno fatto questa domanda? Cento volte!? Forse duecento!? Diciamo anche mille!
Quando questo quesito ci veniva posto da bambini, la maggior parte di noi iniziava ad elencare i lavori più disparati: dal calciatore alla ballerina, dall’avvocato alla maestra, dal dottore alla modella, e moltissi altri.
Tuttavia, c’era sempre un bambino che non diceva che lavoro volesse fare da grande, ma semplicemente diceva: “Voglio essere felice!”

Questa è la frase che riassume al meglio lo scopo dell’esistenza umana.
Un’esistenza che, citando Arthur Schopenhauer, può essere paragonata ad un pendolo che oscilla incessantemente tra la noia e il dolore, con intervalli fugaci, e per di più illusori, di piacere e gioia (che tristezza Arthur!).
E sono proprio questi intervalli che l’uomo, fin dagli arbori, ricerca durante la sua vita. Seguendo la dottrina dell’eudemonismo, che considera la felicità come principio naturale della vita umana e assegna a questa il compito di raggiugere tale stato d’animo.

L’importanza che viene attribuita a questa emozione così complessa, ma indispensabile nella nostra vita, è così tanta che essa viene celebrata in una giornata ben precisa, il 20 marzo. Infatti, in questo giorno, l’Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite ha istituito nel 2012 la Giornata Internazionale della Felicità, per promuovere tale sentimento e il benessere, sia mentale che fisico, di tutta la popolazione mondiale.
Inoltre, la felicità è talmente rilevante, ed alla base dei principi morali dell’uomo, da essere stata inserita, dai padri fondatori, nella Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d’America, con queste parole: “[…] tutti gli uomini sono stati creati uguali, essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità ”.

Ma che cos’è la felicità?
Certamente, ognuno di noi, almeno una volta nella vita, si sarà posto questa domanda, si sarà chiesto cosa sia realmente questo stato d’animo, e cosa ci rende felici.
Se cerchiamo in internet, la definizione che troveremo reciterà: “La felicità è lo stato d’animo positivo di chi ritiene soddisfatti i propri desideri. L’esperienza di gioia, contentezza e benessere positivo, unito alla sensazione che la propria vita sia buona, significativa e utile ”.

Però definire cos’è la felicità è più complesso di quel che crediamo.
Persino i più grandi filosofi ed i più grandi poeti si sono trovati in difficoltà nel descriverla con una semplice frase.
Tuttavia, alcuni di questi si sono soffermati sull’argomento esprimendo il loro pensiero.

Facendo un excursus storico, si possono citare le parole del filoso greco Epicuro.
Quest’ultimo affermò che la felicità è strettamente correlata al “piacere”, e che questo dovrebbe essere l’unico scopo a cui ogni azione dell’uomo dovrebbe tendere. Piacere inteso come il non patire dolore nel corpo e il non essere turbati nell’anima; quindi essere in salute ed in pace con se stessi.
Ma basta solo questo per essere felici? Certo che no!
La felicità non dipende solo dal non provare alcun tipo di dolore, perché si può essere infelici pur godendo di ottima salute.

Questa ha un significato molto più profondo e intimo.

Per capire bene cosa sia, ho chiesto ad alcuni miei colleghi ed amici cosa fosse per loro la felicità.
Ecco cosa hanno risposto:
-“Per me felicità è sinonimo di libertà. Non avere catene, poter scegliere liberamente, mostrarsi per ciò che si è”.
-“Felicità equivale a star bene con se stessi, bastare a se stessi”.
– “Riuscire a raggiungere e superare i propri limiti, migliorando giorno dopo giorno”.
– “La felicità è amare ed essere amati senza nessun freno, senza nessuna inibizione”.

Voglio soffermarmi un attimo su quest’ultima frase, e sottolineare che, anche se a volte cerchiamo di negarlo, non possiamo non ammettere che la felicità è strettamente correlata all’amore, in qualunque sua forma.
L’amore che porta alla felicità è, innanzitutto, l’amore per la vita; per le emozioni che essa ci fa provare, per le occasioni che ci dà, per le situazioni che ci fa affrontare, per i momenti che ci fa vivere, grazie ai quali cresciamo e maturiamo ogni giorno.

Questo rapporto di simbiosi tra amore e felicità può essere riassunto attraverso una celebre frase di Hermann Hesse: “Felice è chi sa amare“.
Felice è chiunque riesce a donare amore verso il proprio partner, la propria famiglia, i propri amici; senza chiedere nulla in cambio, senza nessuno scopo.
Soltanto con l’intenzione che questo amore così sincero, genuino, disinteressato, che viene dal cuore, riesca a rendere altrettanto felice chiunque lo riceva.

Ritornando alle risposte dei mie amici; queste sono solo alcune delle tante che ho ricevuto, e – com’è evidente – nessuna risulta uguale alle altre.
Ragion per cui mi sento in dovere di citare Aristotele, il più grande filosofo di tutti i tempi, che affermò: “La felicità dipende da noi stessi “; – e aggiungo io – dalle nostre azioni, dalle nostre reazioni, dai nostri pensieri, dal nostro modo di vedere e affrontare la vita.
Ed è per questo che ognuno di noi ha la propria idea di felicità, un’idea soggettiva, unica.

Perciò, definire con una frase “universale” cos’è la felicità è impossibile!

Tuttavia, credo che una definizione che metta tutti d’accordo esiste:                                                                  “La felicità si trova nelle piccole cose”.

Certo, sembra la solita frase fatta (una di quelle che si scrivono sui social per prendere più like possibili); ma se ci fermassimo un attimo a riflettere, capiremmo che questa è la pur verità.
Perché la felicità nasce ed è racchiusa in ogni piccolo gesto: – anche il più semplice e spontaneo – un sorriso ricambiato, un abbraccio inaspettato, un bacio rubato.
La si può trovare nel guardare un tramonto in riva al mare, nel sentire il tepore del sole sulla pelle e la brezza tra i capelli, la si può leggere nel sorriso di un bambino che scarta il regalo di compleanno, la si può scorgere nello sguardo fiero di una madre che guarda i propri figli,  la si può sentire nel suono di una risata, la si può vedere negli occhi della persona che amiamo.

La felicità è fatta di attimi unici, e sono proprio questi che la distinguono dalla normalità, danno senso alla nostra vita e fanno splendere la nostra anima.
Perché come dice Alex Hitchens (àlias Will Smith) nel film “Hitch”:
“[…] Il numero di respiri che fate in vita vostra è irrilevante, quello che conta veramente sono i momenti che il respiro ve lo tolgono ”.

E come afferma Roberto Benigni: “[…] Dobbiamo sempre pensare alla felicità. Se qualche volta essa si scorda di noi, noi non dobbiamo mai scordarci di lei, fino all’ultimo giorno della nostra vita ”.

Perciò, quando vi chiederanno, per l’ennesima volta, “Cosa vuoi fare da grande?
Fate come quel bambino all’inizio dell’articolo, rispondete sempre “Voglio essere felice!
Perchè la felicità è ovunque e in chiunque, basta saper coglierla, alimentarla, proteggerla, viverla!

 

                                                                                                                                                                                 Giuseppe Cannistrà

 

di Giuseppe Cannistrà

Leggi Anche...

Smartphone da urlo… per il portafogli!

Anche quest’anno i produttori di smartphone ci sorprendono con dei nuovi top di gamma, con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *