Home / Tempo Libero / Racconti

Racconti

Diario di una fuorisede superstar 10° parte

Tempo di lettura: 2 minuti Il secondo semestre passò veloce, senza nessun evento esilarante. Aveva chiuso con Nico, o meglio, lui aveva chiuso con lei. Senza nemmeno una spiegazione esaustiva, senza neppure una lite decisa, delle domande, delle risposte, aveva semplicemente deciso di tagliarla fuori dalla sua vita. E ci era riuscito. Lei aveva resistito un po’ a non contattarlo, dopo aver superato gli esami …

Leggi Tutto

Diario di una fuorisede superstar 9° parte

Tempo di lettura: < 1 minuto La mattina dell’esame… Penelope aveva dormito poco e male, era in piena sessione da settimane, ma l’esame che si sarebbe svolto quella mattina era il più importante dell’anno. Bevve un sorso di caffè bollente ed ebbe quasi un attacco di gastrite. Aveva la nausea. Neppure il cornetto con cui fece colazione servì a tranquillizzarle lo stomaco. Le sue viscere sembravano …

Leggi Tutto

Se questo è un medico

Tempo di lettura: 3 minuti Sono le ore 10:32. Suono. Entro. Chiedo gentilmente: “Buongiorno, sono passata ieri per farmi scrivere le analisi da fare, l’infermiera mi ha detto che sarebbero state pronte oggi…” Con un urlo scimmiesco mi viene risposto da un’ala remota dello studio medico “Sssssiiiiiii gioiaaaaa spetta”. Arriva la donna di mezz’età che, mentre zoppica verso di me, urla (viva la privacy) “aaaah …

Leggi Tutto

Diario di una fuorisede superstar 8° parte

Tempo di lettura: 2 minuti -Beh ce l’hai fatta, rischiavo di addormentarmi- Nico era a casa di Penny e lei aveva trascorso gli ultimi venti minuti al telefono con Oscar. -Era stranamente ben preso- rispose. -E tu sei stranamente cafona. Non si lasciano gli ospiti in sospeso- disse lui ridacchiando. -Non sei più un ospite da molto tempo qui- -Questa mi è nuova e da …

Leggi Tutto

Diario di una fuorisede superstar 7° parte

Tempo di lettura: 2 minuti Il palazzo era vecchio, risaliva con ogni probabilità agli anni ’40. Aveva uno di quei tipici cortili interni, su cui si affacciano decine di balconi striminziti e malandati. Stendere i vestiti era quasi impossibile e il più delle volte questi cascavano a pian terreno, sporcandosi a tal punto che sarebbero stati più puliti se non lavati del tutto. La sessione …

Leggi Tutto

Diario di una fuorisede superstar 6° parte

Tempo di lettura: < 1 minuto “Sentirsi grandi Eravamo giovani, e stanchi di sentirci dire – dovete crescere -. Eravamo belli, annoiati di dover prenderci la vita oppure lei avrebbe preso noi. Fuori dai cassetti tutti i sogni, gettati poi nei cassonetti. E via con le lauree, i lavori, i master, il matrimonio e la dipendenza da serie TV e da quel bar. Avevamo paura di …

Leggi Tutto

Bring me back to life

Tempo di lettura: 3 minuti Sentivo che il mio tempo stava per scadere. Ma qualcosa in me non era d’accordo. Non ricordo come sia finito a terra, tra il fango e le cartucce scariche. In questo momento non ha alcuna importanza. Sento l’uniforme zuppa da capo a fondo. Qualche ora fa il cielo ha rilasciato una pioggia leggera inumidendo il terreno su cui sono steso. …

Leggi Tutto

Guida del guidatore a Messina

Tempo di lettura: 3 minuti Poche semplici regole per orientarti nel caos cittadino. 1. IL SEMAFORO Presta attenzione perché il cittadino medio ci tiene a come agisci negli incroci. I colori del semaforo a Messina vanno letti cosi: ROSSO: “Passa chi non c’è nuddu! Vadda ‘stu babb’i ddiu chi si fimmau!” GIALLO: “Moviti Lollo, moviti” il rituale comprende lo scalare la marcia, l’accelerare che nemmeno …

Leggi Tutto

Diario di una fuorisede superstar 5° parte

Tempo di lettura: 3 minuti La pioggia incalzava. Era ora di pranzo e gli studenti, accalcati davanti le porte dell’ingresso della mensa, cercavano di non far cozzare i loro ombrelli, o meglio, di non cavarsi le pupille a vicenda. La fila per pagare il ticket era immensa, come qualunque cosa in città non appena scendesse un po’ di acqua dal cielo. Penelope aspettava da sola …

Leggi Tutto

Siamo soldati

Tempo di lettura: < 1 minuto   A chi, ogni giorno, continua ad alzare la testa per scrutare il cielo.                                                                          Nonostante tutto.   Siamo soldati Siamo soldati, quando scacciamo la …

Leggi Tutto